Rassegna Stampa – La noiosa lezione di Sacco e Don Brunetto… Don Brunetto parole, parole anche su MPS… In arrivo il nuovo direttore Generale dell’Università

25 ottobre 2014 Lascia un commento

Prima della consueta rassegna stampa, il racconto (in breve) dell’assemblea pubblica relativa al BID-BOOK di Siena Capitale 2019. Mi sarei aspettato di capire qualcosa di più dei progetti, ma la lezione del Professor Sacco ha spiegato quale aera il piano B per andare avanti nei progetti culturali, anche se non risulta da nessuna parte che Lui abbia l’incarico di proseguire. Don Brunetto preso dalla smania del microfono ha parlato moltissimo in puro stile renziano, ma alla fine ha detto ben poco, ritornando sul fatto che probabilmente Matera ha vinto perché l’Europa si aspetta molto dal Sud Italia. Il Professor sacco ha ammesso che non rendere pubblico il BID BOOK è stato un errore. Siamo passati poi al momento di discussione, molti sono stati i cittadini che hanno preso la parola, mi ha stupito in positivo l’intervento di Massimiliano Angelini, molto duro nei confronti del Comitato e del professor Sacco. Duro anche Carlo Regina. Stranamente nel mio intervento non sono stato polemico, ho chiesto lumi sui parteners e sulla famosa delibera di 40 Milioni della regione Toscana, sulla prima domanda non mi hanno risposto, mentre mi hanno assicurato che i 40 milioni sono già deliberati. Però chiedendo al dirigente che si occupa del bilancio comunale (Dottor Benedetti), mi ha detto che Lui la delibera non ce l’ha, mentre invece la dovrebbe avere il Comitato. veramente strano, perché non sono riuscito a trovarla nemmeno sul portale della regione Toscana dove sono conservati tutti gli atti. Da notare due cose: la prima la contestazione all’intervento di Eugenio Neri che secondo alcuni delle truppe cammellate non doveva parlare perché consigliere comunale, la seconda la mancanza di domande da parte dei giornalisti, che pure erano in aula ad ascoltare… PORA SIENA

Sotto il video degli interventi, grazie a Siena TV

HATTORI HANZO – NON SI VERGOGNA IL SINDACO A INTERVENIRE SULLA BANCA?

LA LEGA DEPLORA L’INTERVENTO DEL SINDACO SU MPS E STRESS TES…

Tipini ottobrini: Sonia Pallai (più 5 Ps)

Profumo (Mps): “Siena deve triplicare gli sforzi per attrarre le imprese”

È in arrivo il Direttore Generale dell’Università di Siena

sarà nominato il nuovo Direttore Generale dell’Università di Siena… VOTA IL SONDAGGIO

Salviamo Asia Bibi, Comune e Fondazione Barnabei si muovano!

Lo avevamo promesso…ecco a voi i “gruppi silenti” !

Mps, altalena in borsa in attesa degli stress test

Risposta del Professor Sacco….

Rassegna Stampa – Valentini Giano bifronte!!! Le parole di Sacco indegne per la città!!! Mps verso l’aumento di Capitale?

24 ottobre 2014 Lascia un commento

Editoriale de Il Santo – A breve sarà nominato il nuovo Direttore Generale dell’Università di Siena… VOTA IL SONDAGGIO

24 ottobre 2014 1 commento

A molti è sfuggito, specialmente ai giornalisti con la tessera. Domani la commissione dell’Università di Siena guidata dalla Professoressa Lidia D’Alessio giudicherà i curriculum dei 5 candidati alla carica di Direttore Amministrativo.

Ecco i nomi dei 5 candidati ammessi profili:

COLUCCI GIOVANNI (CLICCA E LEGGI)

ORFEO MARIA  (CLICCA E LEGGI)

PALAGI GIULIANO (CLICCA E LEGGI)

TOMASI MARCO (CLICCA E LEGGI)

VICINI PAOLO (CLICCA E LEGGI)

Sul blog del Professor Grasso ho trovato alcuni articoli al Dottor Tomasi Marco, il primo riguarda un’intercettazione telefonica fra lui e il rettore Riccaboni.

Siena: dalla “piccola Oxford” all’Università delle truffe

Il “grande vecchio” e la distruzione dell’Università di Siena

Cosa riserverà il 2012 all’Università di Siena?

Di seguito metto gli atti che hanno portato alla selezione che come detto si concluderà domani con la scelta del candidato.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DELL’INCARICO DI DIRETTORE GENERALE DELL’UNIVERSITà DEGLI STUDI DI SIENA

SELEZIONE PUBBLICA PER TITOLI E COLLOQUIO PER IL CONFERIMENTO DELL’INCARICO DI DIRETTORE GENERALE DELL’UNIVERSITà DI SIENA

DI SEGUITO IL SONDAGGIO PER I LETTORI. VI RICORDO CHE IL VOTO è SEGRETO E IL SISTEMA FA VOTARE UNA SOLA VOLTA

La Rubrica di Daniele Magrini – La politica a Siena al bivio tra due verdetti europei

23 ottobre 2014 1 commento

incognitaSi va verso un altro week end caratterizzato dall’attesa per un verdetto che riguarda la città. Persa la partita per la capitale europea della cultura, adesso Siena attende, per domenica, l’esito di un altro esame europeo: la valutazione del Monte dei Paschi in base ai cosiddetti stress test. E sarà una sentenza con effetti epocali per la città. Senza abbozzare previsioni, improprie anche in relazione all’altalena del titolo in borsa, la valutazione della banca avrà ripercussioni diffuse, e non solo sull’ipotesi di un ulteriore aumento di capitale. Rappresenterà anche, in vista della scadenza del mandato a primavera, una implicita valutazione sull’operato dei vertici della banca. Profumo e Viola, finora, non hanno prodotto inversioni di tendenza nel trend al rosso dei bilanci della banca. E rileggendole oggi, le dichiarazioni del segretario provinciale del Pd, Niccolò Guicciardini, dopo l’aumento di capitale andato a buon fine, tese a sottolineare i meriti del Pd per la posizione tenuta su banca e Fondazione, appaiono quantomeno avventate.

Cosa accade nella politica senese, in mezzo ai due verdetti, quello già emesso e negativo sulla capitale della cultura e quello che arriverà domenica prossima? Le opposizioni, con Eugenio Neri in testa, sono impegnatissime nella sistematica demolizione del bid book di candidatura. L’intento è quello di smontare la tesi di Pierluigi Sacco e del sindaco Bruno Valentini, che invece sostengono che quei progetti, con le risorse economiche della Regione, potranno comunque rappresentare un solido ancoraggio per la ripresa economica e occupazionale della città. E su questo fronte c’è poco da sperticarsi su chi abbia ragione: lo dirà il tempo, se quei progetti produrranno lavoro davvero o meno. Il resto non conta.

Per il resto, c’è gran fermento tra le forze della maggioranza. Il coordinatore di Siena Cambia, Roberto Guiggiani, ha rassegnato le dimissioni dall’incarico. Al centro di critiche dall’interno per una linea giudicata troppo poco “governativa”, e troppo poco incline a valorizzare i cambiamenti in corso nell’amministrazione comunale e anche nella forza propulsiva della maggioranza – il Pd -, Guiggiani ha preferito rimanere dentro l’associazione ma con le mani libere. E infatti ha già sparato sull’ipotesi della Fondazione Santa Maria della Scala, avanzata dal sindaco Valentini. Il Pd, come sempre accade quando ci si avvicina ad una tornata elettorale, appare in mezzo a spinte e controspinte sul tema del rinnovamento, che ognuno leggerà come vuole. Reali, fittizie, evasive, fumo negli occhi o concreto inizio di un percorso di cambiamento che finora è mancato. I fatti sono questi: Alessandro Masi, già sindaco di Sovicille ed ex membro della deputazione della Fondazione Monte dei Paschi, è stato eletto alla guida del coordinamento comunale con 78 voti su 88. Un risultato netto e indiscutibile che allarga il campo del suo consenso iniziale, cresciuto rispetto alla maggioranza che elesse Alessandro Mugnaioli. Uomo portato al dialogo, mai sopra le righe, Masi è cosciente della prova difficile che lo aspetta, a cominciare dalla formazione del nuovo Esecutivo. Il gruppo di renziani di “Adesso Terre di Siena”, commenta così su Fb, l’avvento di Masi: «Lo avevamo chiamato cambiamento si è rivelato un accomodamento. E’ intanto la città perde e muore la speranza». Di segno opposto il commento del sindaco Valentini, che su Fb ha così postato: «L’Amministrazione comunale ha bisogno di un forte e coeso PD per condividere le strategie di crescita che sono già in atto. Conosco bene Alessandro Masi e so che è persona onesta e valida per lavorare insieme. Superiamo la stagione dei litigi inconcludenti e proiettiamo le nostre energie verso il futuro. Non va negato o nascosto niente del passato, ma oggi c’è bisogno di idee e di concretezza». Un’analisi che appare sostanzialmente in linea con le sollecitazioni di un gruppo di 19 esponenti piddini, trasversali tra i vari schieramenti, che in un documento chiedono un cambio di passo al Pd provinciale. E non lesinano considerazioni critiche: «O il PD in provincia di Siena cambia davvero – scrivono – e torna a mettersi in sintonia con la gente senza svendersi al qualunquismo e dimostrando di saper governare i processi complessi che ci circondano, oppure è destinato ad un declino rapido ed inesorabile. Gli errori del passato e quelli del presente – si legge ancora nel documento – richiedono un cambio di marcia. Noi vogliamo fornire uno spunto di riflessione all’assemblea e al Segretario provinciale, non con una “delega in bianco”, ma perché si giunga all’apertura di una nuova stagione politica. Un documento per costruire, non per distruggere». Dove sfocerà questa sollecitazione? In un rimpasto ai vertici provinciali, magari con il ritorno nell’Esecutivo di componenti escluse, come i cosiddetti “monaciani”, finora invisi per lo scontro che portò alle dimissioni dell’ex sindaco Franco Ceccuzzi? E rimane aperto il tema dei rapporti tra i vertici provinciali e la componente renziana, dopo le dimissioni di Juri Bettollini, vicino a Stefano Scaramelli. Nella nuova stagione politica sollecitata dal documento dei 19 ci sarà da capire se intendono con la partecipazione, o meno, di questa originaria componente renziana, che d’altro canto, con lo stesso Bettollini, ha commentato positivamente quel documento.

Sullo sfondo resta il nodo delle candidature alle elezioni regionali, sempre più vicine. A candidati che appaiono già in pista da tempo – Stefano Scaramelli membro della Direzione nazionale Pd, il consigliere regionale Marco Spinelli, lo stesso segretario provinciale Niccolò Guicciardini – si sarebbe aggiunto anche l’ex sindaco di Monteroni Jacopo Armini. Un puzzle – che potrebbe anche allargarsi ulteriormente – di difficile composizione, se si aggiunge anche il tema irrinunciabile della parità di genere della candidature. Insomma, tutte le spinte e controspinte che si notano dentro il Pd, saranno sottoposte ad una sorta di cartina di tornasole ineludibile proprio attraverso il passaggio delle candidature prima e dell’esito delle elezioni regionali poi. Anche perchè, senza tirare in ballo le idi di marzo, il giudizio di merito – rinnovamento sì, rinnovamento no – in quel caso non sarà espresso dagli organismi interni al partito, attraverso giochi di sponda e mediazioni più o meno coerenti con le affermazioni di principio, ma da una platea più vasta: quella dei cittadini elettori.

Categorie: libero contributo

Editoriale de Il Santo – Lettera aperta ad Alessandro Lorenzini giornalista senese…

23 ottobre 2014 9 commenti

Caro Alessandro, ho saputo che hai scritto da qualche parte su FACEBOOK una domanda, che più o meno è questa: “Posso parcheggiare in Piazza del Campo e poi prendermela con i vigili se mi fanno la multa?”. Mi scuso se la domanda non è posta in questi termini, ma non essendo tuo amico su FACEBOOK ne tantomeno nella vita non posso vedere quello che scrivi, ma sopravviverò lo stesso. Ti scrivo questa lettera, perché ho proprio voglia di esternarti alcune cose. Prima ti rispondo alla domanda che è riferita sicuramente al mio post di oggi, che evidentemente non hai nemmeno letto. (clicca e leggi)

Certo che non posso posteggiare in Piazza del Campo e poi prendermela con il vigile se mi fa la multa! Nel mio editoriale ho scritto che la multa ci stava eccome e ho scritto che ho sbagliato. Parola che in questa città viene poco usata da chi ha il potere e da chi spesso regge la balla al potere.

Detto questo, vorrei dirti che sono persona abituata a prendermi le mie responsabilità su quello che scrivo, quello che penso e sulle mie azioni. Fra di noi non corre buon sangue, non ci siamo mai presentati, ma come spesso avviene le amicizie o le inimicizie nascono a pelle. Probabilmente le nostre differenze culturali e di approccio sono opposte, ma in questo caso gli opposti  non si attraggono. Noi ci respingiamo notevolmente e francamente ne sono ben felice. Non saprei nemmeno come catalogarti. Non sei mio nemico, perché dopo tanti anni di sport da combattimento non vedo nemici ma avversari. Non riesco nemmeno a catalogarti come avversario, perché gli avversari devi rispettarli, devi considerarli, devi anche amarli, perché sono loro che ti danno gli stimoli per continuare a combattere!

Ti leggo sul blog (che ho tolto dai preferiti del mio) perché francamente questo tuo dire e non dire, tipico di altri giornalisti senesi che ora hanno dei seri problemi con la finanza, mi ha proprio rotto le scatole. Non sono per niente d’accordo con quello che scrivi e te l’ho palesato diverse volte. Visto che dobbiamo convivere in questa città disastrata da quelli che sono più vicini a te che a me, continuerò a tirare per la mia strada. Se qualche volta, come è accaduto, ci siamo incrociati negli studi di Radio Siena ti saluterò perché sono educato. Non confondere però uno sguardo abbassato per paura, mentre è solo indifferenza. Quando incrocio i guantoni i miei avversari li guardo in faccia, ma come ho detto prima…

Ci vediamo domani a fare qualche domandina al Professor Sacco…

Saluti IL SANTO

Rassegna Stampa – Il Masi mette d’accordo tutti? MpS non è stressato lo dice Jp Morgan…

23 ottobre 2014 Lascia un commento
Categorie: rassegna stampa

Editoriale de Il Santo – Il Santo paga la multa e gli tolgono due punti alla patente!!!!

23 ottobre 2014 1 commento

La mannaia dei vigili urbani senesi è calata anche su Il Santo. Premetto che a norma di codice della strada il sottoscritto ha sbagliato e la multa è giusta. Quello che non va bene è il modo con cui lavorano ed operano i vigili urbani senesi. Vi spiego i fatti. Abitando nella zona di Camollia, molto spesso non si trova parcheggio, fra imbucati, permessi di contrada alcune volte sei costretto a parcheggiare fuori degli stalli segnati oppure come è successo a me nel posto dei disabili. Che per legge possono posteggiare anche i divieto di sosta se non intralciano il traffico. Quindi visto che paghiamo 30 euro al mese qualche volta i residenti sono costretti a “violare” la legge per posteggiare. Ripeto a norma di codice stradale il solerte vigile che mi ha multato di 84,00 euro scontati a 58,80 € se pagavo subito e con la decurtazione di 2 punti dalla patente ha fatto il proprio dovere, ci mancherebbe altro!

Credo però che i nostri solerti vigili dovrebbero usare un po’ di grano salis nello svolgimento del proprio lavoro. Se un vigile vede un malfattore come me che ha posteggiato nel parcheggio disabili, ma vede che ha il permesso residente con bollino pagato fino a dicembre dovrebbe attivare un paio di neuroni per capire che non è che il suddetto malfattore ha parcheggiato in quel luogo per fare dispetto, ma perché non vi era altra possibilità. Capire per qualcuno è complicato. Certo mi direte voi, hai sbagliato è giusto che tu paghi la multa! Vero allora il solerte vigile urbano, dovrebbe applicare la legge sempre e senza distinzioni. Nella stessa zona tutti i giorni in piazza Chigi molti frequentatori del rione, parcheggiano nel centro della Piazza di fronte ad una abitazione i loro motorini, creando molti problemi ai residenti e creando pericolo per chi viene da Campansi. Certe volte auto con permesso di Contrada parcheggiano in divieto di sosta, ma il solerte vigile chiude un occhio, frotte di motorini sono posteggiati ai due lati di via Camollia che all’inizio riporta il cartello DIVIETO di SOSTA da entrambi i lati. Oppure parlando di multe e regolamenti, non ho mai visto fare una multa a quelli stronzi che mettono il sacco della spazzatura in orari non consentiti.

Comunque la multa l’ho pagata almeno ho preso lo sconto del 30%. Quello che mi scoccia però sono i due punti alla patente, infatti da quando guido (26 anni!) avevo intonsa. E tutto questo per colpa di un sistema che non riesce a garantire la sosta anche a chi paga regolarmente il bollino ZTL… Prometto che ritornerò sull’argomento, eccome se lo farò!

Multa pagata!!!

Multa pagata!!!

Categorie: libero contributo Tag:
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 401 follower