Rassegna Stampa – Aumentano le spese del Comune… Presentazione del Libro del giornalista con tessera… Il tesoriere del PD detiene 105.000 azioni del MPS!!!

16 aprile 2014 Lascia un commento

La Rubrica della COOL-TURA – Storia del 113° reggimento di fanteria di linea francese

15 aprile 2014 2 commenti

INVITOWEB

Ultim’ora – ESPLOSIONE IN VIA MASSETANA nella filiale MPS…

15 aprile 2014 3 commenti

Fatto saltare il BANCOMAT nella filiale del Monte dei Paschi in Massetana… Non ci sono notizie di feriti… Sotto una foto dell’accaduto del fotografo LUCA LOZZI (tratta del suo profilo facebook)

 

DALLA PAGINA FACEBOOK DI FRANCESCO GIUSTI…

Siena come il Bronx: fatto esplodere e rapinato il bancomat del #Mps in Massetana Romana. Questa è la sicurezza che ci regala la Sinistra. La mafia di importazione, accolta nelle terre di Siena a braccia aperte, ha fatto arrivare dalle nostre parti delinquenti italiani e non e metodi tipici della malavita organizzata. Mi ricordo di quando la Lega denunciava le infiltrazioni mafiose in Val d’Arbia ed in Val d’Elsa. Lega, baluardo per la sicurezza e contro la mafia… Sempre!!! Rimpiangiamo qualche anno fa… quando l’hinterland senese era veramente un’oasi felice e non come vorrebbero spacciarla ora!!!

 

Luca Lozzi sul luogo della rapina

Luca Lozzi sul luogo della rapina

Categorie: rassegna stampa, siena

Rassegna Stampa – Ancora sulla Martinella Stonata… Gli spendaccioni della politica senese… Mr. Profumo il nervosetto!!!

15 aprile 2014 Lascia un commento

Libero Contributo – LA FONDAZIONE MONTE DEI PASCHI AL DI LA’ DELLE TIFOSERIE. – di Pierluigi Piccini

14 aprile 2014 2 commenti

Bene! A questo punto spero che le tifoserie si calmino e si possa finalmente parlare del merito e domandarci quale futuro attende la Fondazione nel rapporto al suo territorio di riferimento. Domandiamoci, anche, di cosa si stia parlando. Di quanto vale la Fondazione Monte dei Paschi? E di come si colloca nel panorama delle Fondazioni bancarie italiane? A queste domande ho cercato di rispondere osservando il bilancio dell’Ente senese nel 2012 e insieme a quest’ultimo ho estrapolato alcuni dati dal “XVIII Rapporto sulle Fondazioni di Origine Bancaria”. Rapporto che mi ha ulteriormente incuriosito tanto da indurmi a dare uno sguardo ai bilanci di diverse altre fondazioni. E lì sì che ho trovato chiara ed esaustiva la rappresentazione della missione degli enti con le relative risposte e poste di bilancio comprensibili ed esaurienti. Sarebbe già “rivoluzionario” se quello della fondazione bancaria senese, relativo alla gestione 2013, ci permettesse di avere maggiori dettagli. Da queste due pubblicazioni si evince che la Fondazione vale 673 milioni di euro. Valore che è da ritenere, una volta pagati i debiti propri e alienata in larga misura la partecipazione della banca conferitaria, rimanga sostanzialmente immutato. Di questo avremo conferma dagli attuali amministratori della Fondazione.

Pierluigi Piccini

Pierluigi Piccini

673 milioni di euro di patrimonio (diciottesima nella graduatoria) parrebbero di tutto rispetto se non fossero paragonati ai 6,6 miliradi di euro della Fondazione Cariplo o di quelli a noi più vicine come: la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, all’ottavo posto con 1,3 miliardi di euro di patrimonio, seguita subito dopo dalla Fondazione Lucca con 1,2 miliardi di euro di patrimonio. Per capire dove siamo e dove sia possibile andare facciamo un piccolo passo indietro. Nel 1996, al momento della sua costituzione, la Fondazione Monte dei Paschi valeva 2,7 miliardi di euro con solo il 38,3% del suo patrimonio costituito da azioni della Banca Monte. Al 31/12/2010 la Fondazione del presidente Mancini valeva, a valori di libro, 5,4 miliardi, nel 2011, 1,3 miliardi e nel 2012, 673 milioni di euro. Nei tre anni sopra indicati la Fondazione ha contabilizzato perdite per un controvalore di 653,9 milioni di euro. In questo momento sembrerebbe che all’orizzonte non ci siano perdite latenti anche perché se così fosse in ulteriori tre annate sfavorevoli, come quelle citate, la Fondazione sparirebbe. La domanda da farci, a questo punto, è: con un patrimonio di questa natura è opportuno e conveniente avere una partecipazione del 2,5% nella banca conferitaria il cui onere per mantenerla, partecipando all’aumento del capitale sociale e se i calcoli sono giusti, sarebbe almeno di 75 milioni di euro? Forse che questo ulteriore sforzo è per rimanere nei famosi “salotti buoni” della finanza? Quei “salotti buoni” che poi tanta fortuna non hanno portato ne alla Fondazione, ne alla città, ne alla sua principale “industria”. Le istituzioni cittadine, così come si sono messe le cose, devono affrontare una serie di questioni strategiche, improcrastinabili per il futuro stesso di Siena e del suo territorio. Strategia che ha proprio nello statuto della Fondazione uno dei punti focali che deve essere, per questo, radicalmente ripensato. Va ripensata la sua missione che deve essere ridimensionata in rapporto al suo patrimonio, insieme ai settori di intervento. Vanno ripensati e ridimensionati gli attuali organi di governo. Va ridefinita e ridisegnata la struttura organizzativa propria. Infatti non è pensabile che questi organi nel solo 2012 siano costati 1.676.407 di euro dal momento che questa per funzionare abbia, ad esempio, speso per consulenze strategiche 9.947.819 di euro oltre a 2.585.931di euro per spese legali. Tralasciando il costo del personale (4.052.500 euro).
Rispetto agli indirizzi strategici ritengo utile una riflessione sui soggetti su cui vi è una partecipazione diretta della Fondazione quali ad esempio Siena Biotech, Vernice Progetti Culturali, Biofund S.p.A. e Fondazione con il Sud; troppo sarcastici potrebbero risultare gli inviti a ripensare le partecipazioni come la Casalboccone S.p.A. e la sua collegata Eurocity sviluppo immobiliare srl. Non commento la Sansedoni come, visto che Amato non dovrebbe essere più nei ranghi, la blasonata Enciclopedia Italiana fondata G. Treccani.
Alla fine di queste riflessioni non sarebbe male se chi vi ha interesse: i cittadini, le istituzioni, la politica andassero a leggersi le relazioni di fine esercizio delle altre fondazioni bancarie non ultima la vicina Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze al fine di trarre spunti utili per serene e proficue discussioni. Capisco che queste indicazioni possano fare male al cuore oltre ad offendere l’intelligenza perché rovescia ciò che è stato un vanto di secoli per Siena magistralmente riportato dallo storico Carlo Maria Cipolla nei suoi scritti.

Categorie: libero contributo

Editoriale de IL SANTO – Quella martinella un po’ stonata…

14 aprile 2014 3 commenti

Qualche volta leggo la Martinella oggi mi hanno fatto veramente sorridere…  Leggo anche il blog di quell’Elio Fanali e che francamente non mi fa ridere, ma parecchio piangere… Per replicare all’articolo della Martinella (clicca e leggi) ecco un po’ di articoli che riguardano l’ospedale di Siena dei vari blogger senesi… Saluti e accordate le campane!!!

Dal Sito ERETICO di SIENA

Scoop Sanità: storia di un concorso un po’ sospetto…

Sanità senesota: carriere al neutrino e massoneria (e la multina a Novartis)…

Cosa aspetta a dimettersi il dottor Centini?

Perchè il Direttore amministrativo delle Scotte deve dimettersi, e subito!

Sanità senesota: la dottoressa Cardelli ed una provocazione per le Scotte

Sanità senesota: l’avvocato Volpini e l’avvocato Lovo

Siena: hanno comandato i “pervertiti”?

Dal Sito Fratello Illuminato

Andate al mare dopo il ballottaggio: tutti a votare contro il candidato di Alberto Monaci

Chi oggi gestisce la fondazione fa parte della cordata Valentini-Alberto Monaci

Ma il piddino Paolo Cocchi avverte Valentini: ” Sul Monaci (se è vero quello che dice un post) starei molto attento”

Liberiamo la sanità e l’ospedale di Siena dalla gestione politica della famiglia Monaci e il direttore Morello si dimetta immediatamente

dal Sito Impegno per Siena

Operazione verità: ecco come il “Sistema” cominciò a scricchiolare, e fu salvato in extremis 

 Infuria il match fra ceccuzziani, monaciani e valentiniani. Intervista a Falorni (IPS) 

Ma quante tribù ci sono nel PD? 

Alberto Monaci confermato presidente del consiglio regionale 

 PD: un partito allo sbando, incapace di garantire un decente governo della città 

dal Blog IL SANTO di SIENA

La rubrica delle Comiche – Ceccuzzi dice che ha dato le dimissioni ma sorride… Monaci spiega quello che è successo…

Libero Contributo – Se la maggioranza dovesse reggere con queste prerogative, scordiamoci atti risolutivi per l’attuale situazione senese…

dal Blog Bastardo Senza Gloria

DOTT. TOSI, SULLA QUESTIONE CITTADINI CHE S’INTERESSANO ALLE COSE DELLA SANITA’ CI VUOLE CALMA E GESSO

Mi fermo qui per non annoiare….

Questo video è da stiantare da ridere!!!

Rassegna Stampa – Bastardo Senza Gloria vende il blog e incassa una cifra milionaria!!!

14 aprile 2014 Lascia un commento
Categorie: rassegna stampa
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 309 follower